Una valida alternativa a Spotlight

È superfluo soffermarsi sul funzionamento di Spotlight, visto che gli utenti Mac lo utilizzano felicemente dal 29 aprile 2005; un toccasana specialmente per i più disordinati che hanno trovato in esso un vero alleato. Ma c’è anche chi non è mai riuscito ad affezionarsi al moderno metodo di ricerca di file e documenti, rimpiangendo il tradizionale “mela-effe” di Panther e perché no il vecchio Sherlock di Mac OS 9. Un po’ perché chi è ordinato nella disposizione dei documenti lo è anche nel metodo di ricerca incrociata, poi c’è chi non si accontenta delle “cose facili” e quando cerca un file tipo “IOFireWireSerialBusProtocolTransport.kext” vorrebbe trovarlo sul serio, tralasciando i malfunzionamenti occasionali o la necessità di dover ricostruire l’indice qualora dovesse corrompersi.
La Ironic Software ha sviluppato qualche mese un “sostituto per il Finder” che si chiama Leap, ma in realtà è da apprezzare più per le sue capacità di ricerca approfondita che da esploratore di cartelle.
Il software è a pagamento, distribuito in Italia da Omnidea al prezzo di 55 euro, ma è possibile scaricare una Demo ed acquistare successivamente la licenza con il numero seriale.
L’ottimo Pierino Donati, colpito positivamente dal programma, si è prodigato nella localizzazione italiana, disponibile per il download dopo essersi registrati gratuitamente sul suo sito.
Chi lo prova una volta non se lo scorderà facilmente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *