Una giornata con Apple Radio Remote

Si chiama Apple Radio Remote, ed è stato introdotto da Steve Jobs al MacWorld di San Francisco del 2006 (link), lo trovate negli AppleStore (reale o telematico) o in qualsiasi negozio rivenditore di accessori Apple, costa 55,00 euro, ed è compatibile con i modelli iPod nano e iPod con video.
Come di consueto per tutti i prodotti Apple, la scatola di cartone e plastica è elegante e ben assemblata, e mostra in bella evidenza il Radio Remote, con tanto di auricolari Apple di nuova generazione (quelli attualmente forniti con i nuovi iPod). All’interno si trovano anche un foglietto illustrativo in quattro lingue (tra le quali manca l’italiano) e la garanzia Apple di un anno. Il dispositivo, di dimensioni relativamente ridotte (3,5 x 2,5 cm) monta un comodo aggancio da poter usare per posizionarlo su un capo o appeso ad una tasca, e la clip è formata dallo stesso materiale satinato degli iPod shuffle di nuova generazione, con il logo Apple e la oramai classica dicitura “Designed by Apple in California”.
…SegueDopo aver agganciato il dispositivo all’iPod, si entra immediatamente nell’interfaccia predisposta alla regolazione delle stazioni, che vengono ricevute dall’antenna inserita all’interno del cavo bianco che collega il Radio Remote all’iPod. Stando fermi in una posizione, la ricezione dell’antenna è di ottimo livello, consentendo l’ascolto della maggior parte delle frequenze occupate; in movimento, ad una velocità media di una automobile in viaggio, il segnale degrada lievemente, anche se le stazioni nazionali vengono comunque ricevute quasi sempre in maniera ottimale. Scorrendo la banda di frequenze (da 88 a 108 MHz), con i tasti Avanti e Indietro, è possibile ascoltare soltanto quelle per le quali il segnale risulta migliore, avendo l’accortezza di tener premuto il pulsante per circa un secondo. Una volta raggiunta la frequenza desiderata, dopo qualche secondo (dipende dal rumore del segnale) verrà mostrato il nome della stazione radio (in alto a sinistra dello schermo), e l’eventuale RDS (in basso); premendo invece il pulsante centrale per circa un secondo, la stazione verrà segnata nei preferiti e indicata con un triangolino nero in corrispondenza della particolare frequenza alla quale viene trasmessa: è poi possibile raggiungere le stazioni preferite scorrendole con i tasti Avanti e Indietro dell’iPod. È un peccato che le stazioni preferite non vengano memorizzate in un elenco scorrevole: sarebbe stato più pratico poterne leggere il nome, e scegliere direttamente quella che si desidera ascoltare. Se non viene utilizzata la trasmissione radio, è possibile utilizzare il Radio Remote per poter regolare la musica riprodotta memorizzata all’interno dell’iPod, attraverso i comandi di Play/Pausa, Avanti, Indietro e volume, così da non obbligare a tirar fuori l’iPod dalla tasca anche per le più piccole operazioni di base.

Apple Radio Remote rappresenta dunque la soluzione definitiva per chi sente la mancanza di una radio nel proprio iPod e, a fronte di una spesa non propriamente esigua, vengono forniti anche un nuovo paio di auricolari, che si adattano alle orecchie più dei modelli precedenti, e che si prestano all’ascolto della musica (sia radio che qualità CD) con una buona qualità del sonoro, per chi non sente di avere particolari esigenze.

PRO: buona qualità di ricezione dell’antenna, interfaccia intuitiva, auricolari forniti di serie.
CONTRO: prezzo lievemente elevato.

–Pask

2 commenti a “Una giornata con Apple Radio Remote”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *