Una carica eterna (o quasi)

Alcuni scienziati della Qynergy Corporation, finanziati dallo U.S. Air Force Research Laboratory, hanno sviluppato e continuano nella ricerca di una nuova tecnologia denominata QynCell™ basata su “radioisotopi” (isotopi radioattivi) come fonte di energia. Il decadimento radioattivo degli stessi produce l’energia necessaria della batteria che promette la durata della carica di una batteria anche per decenni. L’energia della batteria betavoltaica erogherebbe decimi di milliwatt di energia da 1 a 20 anni, e probabilmente integreranno questa tecnologia con batterie agli Ioni di litio ricaricabili.
Caratteristica fondamentale della batteria è il non utilizzo del nucleare, l’assenza di pericolo radioattivo, non produce calore e non rappresenta un pericolo per l’ambiente, essendo inerte e non tossica.
Se lo sviluppo segue il programma, potrebbero vedere la commercializzazione per il 2010.

Fonte: NextEnergyNews

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *