Un HDR molto realistico

La software house Panagea Software, popolare sulla nostra piattaforma per videogiochi storici come Bugdom, Nanosaur, Cro-Mag Rally ed Enigmo, ha da pochissime ore rilasciato Bracketeer 4.0, un software in grado di sovrapporre immagini a diverse esposizioni, con il fine di ottenere un’unica immagine caratterizzata da un’illuminazione perfetta.

Bracketeer si basa sulla tecnologia open source offerta da Enfuse, una linea di comando che fonde insieme le varie esposizioni per ottenere una scena illuminata in modo uniforme. In pratica quello che si paga con Bracketeer è la comodità di usare tramite un’interfaccia grafica, senza dubbio comoda per gli utilizzatori tradizionali, la potenza del software verboso con qualche opzione aggiuntiva. Enfuse non rimuove gli errori di allineamento, quindi bisognerà scattare le immagini in maniera precisa, con l’utilizzo inevitabile di un cavalletto e dell’autoscatto.
Bracketeer presenta tre finestre, la principale offre l’anteprima del lavoro, un’altra viene utilizzata per il trascinamento dei file o delle cartelle da processare in automatico, ed infine la finestra per le impostazioni di Enfuse, che se già lasciate di default offrono risultati eccellenti.
A differenza dei comuni software che eseguono il “tonemapping” su una immagine HDR, i risultati offerti da Enfuse (e quindi da Bracketeer) si presentano molto più equilibrati e completamente privi dell’effetto “fantasma” o da evidenti aloni che snaturano l’immagine finale rendendola tendenzialmente irrealistica, come accade spesso con la ben nota unione HDR in Photoshop.
Mac OS X 10.6 è l’unico requisito per utilizzare Bracketeer 4, per le versioni precedenti di Mac OS X è possibile scaricare le versioni precedenti del software. Bracketeer costa 29,95, ma il prezzo include una copia di PanoPreviewer, e viceversa l’acquisto di PanoPreviewer da diritto ad un seriale per Bracketeer. È possibile effettuare il download del software per provarlo prima di deciderne l’acquisto.
In alternativa, chi proprio vuole rimanere nel gratuito, può optare per l’utilizzo di EnfuseGUI, con qualche opzione in meno, ma valutando soltanto una donazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *