Un Finder dopato

Deskovery è un nuovo, efficace e divertente tool per la gestione avanzata delle finestre di Mac OS X. Il piccolo software, prodotto dalla francese NeoMobili, promette un risparmio di tempo nell’utilizzo quotidiano del Finder e una scrivania più luminosa.
Una volta lanciato il PKG di installazione sarà possibile accedere subito alle nuove funzioni offerte da Deskovery. L’installer crea nella cartella Applicazioni l’elemento Deskovery.app e aggiunge in /Library/ScriptingAdditions/il pacchetto Dinjector.osax. Lanciando Deskovery.app inizierà il periodo Trial dell’applicazione (due settimane) per poterne valutare l’eventuale successivo acquisto (costa 19 euro). Nella barra degli strumenti comparirà l’icona di Deskovery, dalla quale si può accedere alle varie preferenze e alla documentazione del software. Le funzioni vengono immediatamente attivate tutte, dall’elasticità “tremolante” delle finestre, alle funzioni aggiuntive sui pulsanti verdi (allineamento, ridimensionamento, cambio opacità della trasparenza, ecc…) fino all’effetto magnetico tra le varie finestre ed il bordo dello schermo.
Viene abilitata anche la contrazione della finestra a barra del titolo (come nel nostalgico Mac OS 9), nascono innumerevoli scorciatoie da tastiera e nel Dock sarà possibile aggiungere un’icona di Space che offrirà nuove opzioni, come la selezione diretta dello spazio lavoro e l’accesso alle configurazioni di Deskovery.
Lo slogan scelto per l’applicazione è Concentratevi sul vostro lavoro, ma ad essere sinceri l’utilizzo potrebbe addirittura distogliere l’utente dalle mansioni principali, almeno all’inizio; proprio per questo motivo il download del software e i suoi 14 giorni di Demo possono rivelarsi fondamentali. Deskovery richiede Mac OS X 10.6 o versioni successive.

3 commenti a “Un Finder dopato”

  1. sììì!!! spettacolare! bellissimo!
    sembra il compiz che gira su linux da oramai quattro o cinque anni 🙂
    dovrebbero arricchirlo di funzioni e renderlo simile a quello

  2. Ieri ho cominciato ad usare Deskovery.
    Sentivo l’esigenza di funzionalità avanzate del finder, tipo, e a mio modo di vedere è essenziale con un iMac27, poter splittare lo schermo tra le varie finestre.
    Nelle sue funzionalità essenziali mi pare un discreto software. Smanettando ieri si è bloccata la finestra del Finder, ma ho risolto con un logout, non mi è piaciuto ma ho dovuto farlo.
    Inoltre vi segnalo l’impossibilità ad usare la nuvoletta di richiamo rapido delle disposizioni delle finestre con iTunes10, il quale ha i pulsanti classici in verticale, incasinando la maschera dell’applicazione.
    Vi terrò aggiornati sul mio parere
    GL

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *