Un-due-tre… stella!

Stellarium, fu segnalato per la prima volta su iMaccanici in MacList da BioMac nel 2007, e non è mai stato presentato sulle pagine di questo sito. Grave mancanza per un software che potrebbe tranquillamente definirsi il Google Earth delle stelle, dedicato agli amanti dell’astronomia che cercano un potente attrezzo educativo per esplorare l’universo in maniera diversa.
Stellarium, aggiornato di recente alla nuova versione 0.10.5, permette di vedere il cielo di giorno o di notte in tempo reale, osservare le stelle e i pianeti in maniera realistica ed impressionante. È anche possibile agire sul tempo, per vedere il sole, la luna e le stelle muoversi a qualsiasi velocità.
Stellarium è un planetario gratuito Open Source che mostra un cielo realistico in 3D proprio come si vedrebbe a occhio nudo, con un binocolo o un telescopio. Viene utilizzato anche in planetari in videoproiezione impostando semplicemente le coordinate preferite.
Disponibile per Linux, Mac OS X e Windows, il programma offre una libreria di oltre 600.000 stelle, cataloghi extra con più di 210 milioni di stelle, asterismi e illustrazioni delle costellazioni di undici popoli differenti, immagini degli oggetti del cielo profondo (tutto il catalogo di Messier), una Via Lattea realistica, atmosfera altrettanto realistica con alba e tramonto, pianeti e loro satelliti.
L’interfaccia multilingua offre il controllo completo da tastiera e presenta uno zoom potente, il controllo della velocità del tempo, la proiezione fisheye (a occhio di pesce) per le cupole dei planetari e proiezione a specchio sferico per cupole non professionali. Sul monitor sono visualiizate le coordinate equatoriali e altazimuthali, la scintillazione delle stelle, le stelle cadenti, la simulazione delle eclissi ed un paesaggio personalizzabile, ora anche con proiezione sferica.
Il download del DMG di Stellarium 0.10.5 ammonta a 63,7MB ed è disponibile sul sito sourceforge.net, punto di riferimento per lo sviluppo e la distribuzione di software collaborativo.
I modesti requisiti di Sistema di Stellarium, si “accontentano” di Mac OS X 10.4, supportando fino l’ultima versione di Snow Leopard.

3 commenti a “Un-due-tre… stella!”

  1. Grazie per aver segnalato l’aggiornamento.
    E’ veramente un’applicazione utile per chi ama guardare il cielo di notte con il naso all’insù (e il Mac sulle ginocchia)

    Claudio
    —————–
    Mac Book Pro 2 GHz Intel Core Duo
    IPhone 3G 16 Gb nero

  2. Si davvero un bel planetario. Non dovrebbe mancare in ogni Mac. Non dimentichiamoci pero’ di Celestia, un altro bel soft x tour "girare" nell’universo.

  3. molto bello, l’unico problema è che sul mio MacPro (Snow Leopard) i caratteri risultano illeggibili (sul PC invece appaiono corretti).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *