Time Machine sotto ai raggi X

Senza ombra di dubbio Time Machine offre la maniera più coreografica e straordinaria per ripescare la versione precedente di un file ed è pure il modo più moderno di fare backup. Un sistema di ripristino dei dati unico nel suo genere, talmente facile da attivare ed utilizzare per poi dimenticarsene immediatamente, a costo però di una limitata personalizzazione delle configurazioni, potendo solo escludere intere cartelle o dischi dal suo programma di archiviazione.
BackupLoupe, della tedesca soma-zone, permette di esplorare tutti i backup di Time Machine, per individuare file e cartelle il cui contenuto cambia frequentemente. Spesso, tali elementi sono file temporanei di cache o cartelle che non hanno bisogno di esistere nel backup, prendendo così in considerazione la loro esclusione per risparmiare spazio prezioso sul disco dedicato a Time Machine.
Gli elementi da escludere possono essere trascinati sul menù di Time Machine, oppure esclusi direttamente da l programma. BackupLoupe visualizza i nomi di file e cartelle con le rispettive dimensioni, permette di identificare tutte le versioni di un singolo file, di individuare nel Finder la posizione nel proprio Hard Disk, offre il supporto a QuickLook e gestisce più di un disco rigido dedicato a Time Machine.
Recentemente è stata rilasciata la nuova versione 2 del software, che offre numerose nuove funzioni relative all’interfaccia, una nuova funzionalità di ricerca con la possibilità di agire a livello di root per modificare directory sulle quali l’utente non ha i permessi di esecuzione, aggiunta anche la possibilità di visualizzare le statistiche per i dispositivi di backup. Una documentazione ancora più estesa accompagna l’Aiuto del software per un utilizzo corretto. Non mancano un paio di correzioni di bug ed un’ulteriore patch con il rilascio della versione 2.0.2.
BackupLoupe 2.0.2 è uno shareware dal costo molto accessibile: 2,5 dollari per chi aggiorna dalla versione precedente e 5 dollari per una licenza completa. È disponibile per il download in versione prova dal sito del produttore e richiede Mac OS X 10.5 o successivo.

Un commento a “Time Machine sotto ai raggi X”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *