PowerPC G5, ancora il numero uno!

Abbiamo approfondito i test di confronto tra Intel Core Duo e PowerMac doppio G5 1,8 che confermano i primi confronti preliminari del 25 gennaio scorso.
Le prestazioni del doppio core Intel, nonostante una buona velocità di calcolo ci hanno deluso (anche se prevedibilmente) nelle operazioni video dove manca ovviamente il supporto Altivec, presente invece nei PowerPC.

I Mac oggetti del nostro test erano:
Macmini con processore Intel Core Duo a 1,66GHz
iMac con processore Intel Core Duo a 1,83GHz
MacBook con processore Intel Core Duo a 1,83GHz
PowerMac G5 con due processori PowerPC G5 a 1,8GHz (anno 2003)

In tutte le configurazioni la Ram installata era pari a 2GB e l’OS era aggiornato alla medesima versione.
—OraCle
Ecco i risultati dei test principali, ripetuti 3 volte con risultati identici, con scarto dello 0,5%:

Conversione Audio da Aiff a Mp3 con iTunes (160kbps per 30 minuti di suono)
PowerMac doppio G5 = 39 secondi
iMac Core Duo a 1,83GHz = 43 secondi
MacBook Core Duo a 1,83GHz = 44 secondi
Macmini Core Duo 1,66GHz = 46 secondi

Conversione Video da DV a Mpg4 con QuickTime (filmato da 30 secondi)
PowerMac doppio G5 = 24 secondi
iMac Core Duo a 1,83GHz = 39,5 secondi
MacBook Core Duo a 1,83GHz = 40 secondi
Macmini Core Duo 1,66GHz = 42 secondi

Conversione Video da Mpg4 a DV con QuickTime (filmato da 30 secondi)
PowerMac doppio G5 = 18 secondi
iMac Core Duo a 1,83GHz = 29 secondi
Macmini Core Duo 1,66GHz = 29,5 secondi
MacBook Core Duo a 1,83GHz = 31 secondi

I nuovi Mac con architettura Intel sono macchine prestanti e stabili, ma battere il G5 doppio processore è ancora utopico. Certamente il Motorola G4 non ha più ragione di essere venduto in macchine di fascia professionale, e sicuramente un portatile con Intel Core Duo è veloce almeno il doppio dei vecchi PowerBook, ma attualmente nei desktop G5 dual o meglio ancora nei Quad è difficile prevedere quale processore possa degnamente rimpiazzare il potente, seppur esigente, PowerPC IBM G5.

2 commenti a “PowerPC G5, ancora il numero uno!”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *