Importare midi in GarageBand

Con la moda della vendita (spesso truffaldina) delle suonerie telefoniche, stanno scomparendo (dal pubblico accesso) tutti i file midi che fino a qualche anno fa pullulavano in rete, anche la speculazione sulla precedente mania del karaoke aveva portato al commercio (quasi illecito) dei file midi.
La forza del file MIDI è innanzitutto nella sua leggerezza, si tratta infatti di un file che contiene (come uno spartito musicale) le informazioni sull’esecuzione di un brano, senza però alcun suono, sarà il modulo sonoro (Expander), reale o virtuale, a contenere invece tutti i campionamenti necessari alla riproduzione.
Oggi, a circa 25 anni dalla nascita, l’utilizzo del file midi può tornarci utile con strumenti come GarageBand, che ne permettono l’importazione, la modifica e ovviamente la riproduzione, sfruttando i suoni di alta qualità inclusi nel supporto di GarageBand.
Per questo motivo abbiamo deciso di rendere pubblica una grande collezione di file midi trovati su internet a quest’indirizzo: www.rhost.it/luli.
Prima che spariscano anche dal sito segnalato ne abbiamo fatto una copia di backup in un unico file zippato da 95MB che contiene oltre 7000 file midi pronti per essere importati, riprodotti o manipolati dal nostro strumento audio preferito.
In alcuni casi consigliamo l’utilizzo di Aria Maestosa per importare ed esportare i midi non digeriti da GarageBand.
L’elenco dei 7000 brani midi è disponibile QUI.

3 commenti a “Importare midi in GarageBand”

  1. Sono Luli, la webmaster del sito citato.
    Devo dire che nel leggere l’articolo ho avuto tre sensazioni contrastanti: da un lato ho avuto il fortissimo impulso a "toccare ferro" :o|
    poi mi ha fatto piacere vedere come – ancora una volta – il mio sitarello, nato senza alcuna ambizione ma con alcuni principi ben chiari, sia diventato un piccolo punto di riferimento conosciuto ben al di là delle mie amicizie;
    ma devo anche ammettere di aver pensato che sarebbe stato più corretto chiedermi il permesso prima di creare un file zip e di metterlo online. Il mio indirizzo di posta era presente nel sito e non avrei certamente impedito la cosa… ma sarebbe stato diverso averlo saputo da chi ne ha avuto l’idea e non grazie a Google.
    Luli

    1. Cara Luli, hai tutte le nostre scuse. Sono certo che capirai che non era nostra intenzione "derubarti".
      Infatti, da come leggo nella "nota sul copyright" presente alla pagina del tuo sito da dove abbiamo prelevato i file midi:
      "Il Copyright è inteso come copia o duplicazione dall’originale (es. Duplicazione di film o CD audio). Un file MIDI NON E’ UNA COPIA dall’originale, ma una variazione del tema stesso creata con programmi appositi! Resta pertanto inteso che la divulgazione di file MIDI NON E’ DA RITENERSI UN REATO!
      Chiunque, del resto, può accedere a questo o ad altri siti, prelevare un file MIDI e, con l’ausilio di un editor specifico ha la possibilità di inserire un proprio (o improprio) Copyright e quindi reclamarne i diritti di produzione. Diritti che sono riservati esclusivamente alla Casa Discografica e all’autore del brano stesso."
      Si evince che quei file sono messi lì per essere distribuiti gratuitamente, cosa che noi abbiamo fatto raccogliendoli in un unico archivio.
      Voglio anche ringraziarti per il sicuramente enorme lavoro che hai svolto raggruppando tutti questi file MIDI.
      Stefano, iMaccanici.org

      Stefano Ferrara

    2. Ciao Luli è un piacere leggerti. Da come scrivi sembra che te la sia presa un po’ a male.
      Non me ne volere, ma il tuo sito sembrava uno di quelli in stile MySpace che sarebbe stato abbandonato presto dal suo "web master". Se avessi intuito la longevità dello stesso non mi sarei preoccupato di mettere al sicuro una copia dei midi presenti sul tuo blog.
      Prendilo pure come un servizio gratuito di backup offerto da iMaccanici.
      😛
      Levami una curiosità, prima di pubblicare ogni midi hai informato gli autori o sei tu la creatrice (e quindi proprietaria intellettuale) di TUTTI questi file? Sai perché, ne ho scelto qualcuno a caso e sembrano IDENTICI a quelli che si trovano altrove. Per cui non capisco che genere di permesso avremmo dovuto chiederti visto che abbiamo anche citato la fonte, e cioè il tuo coloratissimo sito.
      😉
      Get a Mac, e i "permessi" non saranno più un problema.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *