Il programma di disinstallazione dimenticato da Apple

Tutti amano la semplicità di Mac OS X, ad esempio basta trascinare un’applicazione nella cartella Applicazioni, ed è già pronta all’esecuzione. Si potrebbe pensare che sia altrettanto facile liberarsene, trascinandola nel Cestino, ma non è sempre vero, nel senso che i file di supporto dell’installazione delle applicazioni, generano residui (e talvolta conflitti) nel computer, ma anche solo il file delle preferenze è comunque inutile quando l’applicazione di riferimento non c’è più.
Austin Sarner e Brian Ball sono gli sviluppatori di AppZapper, un popolare programma che permette di disinstallare fedelmente qualsiasi applicazione con la stessa facilità con cui è stata installata, e cioé attraverso un drag&drop.
Basta infatti trascinare una o più applicazioni indesiderate su AppZapper per apprezzare l’efficacia con cui il programma riesce a trovare (spesso) tutti i file associati ad essa permettendone l’eliminazione con un solo clic del mouse. Un sistema di sicurezza molto attento tiene nota delle applicazioni da tenere al sicuro, ed una traccia registrata di tutti i file che eliminati. Secondo gli sviluppatori AppZapper è il programma di disinstallazione che Apple si è dimenticata di inserire in ogni Mac, anche se in realtà esistono strumenti alternativi come AppTrap.
Recentemente gli sviluppatori hanno rilasciato il nuovo AppZapper 2.0, una release importante per l’applicazione di disinstallazione di Mac OS X. Questa versione del software aggiunge infatti una nuova interfaccia utente per Snow Leopard, ed anche una funzione di Hit List, che consente di sfogliare visivamente tutte le applicazioni del computer. C’è anche una nuova funzione MyApps che consente di memorizzare e gestire i numeri seriali delle applicazioni. Successivamente è stata rilasciata anche la patch che porta l’applicazione alla versione 2.0.1 che ha sistemato i Crasher connessi a Spotlight ed i file temporanei di Safari che non appaiono più nella Hit List.
AppZapper 2 viene veduto a partire dal prezzo di 12,95 dollari con licenza singola, e richiede Mac OS X 10.6.2 o prossime versioni. È disponibile per il download una versione demo che permetterà di apprezzare la validità del software.

3 commenti a “Il programma di disinstallazione dimenticato da Apple”

  1. bellissima la nuova versione… sono strasoddisfatto! =)

    Macbook Bianco 13″ 2.4 GHz 4GB; Ipod touch 8GB 1°gen; Ipod video 30GB 1°gen;

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *