Il ferro giusto per ricamare con il Mac

Fino ad oggi abbiamo visto il Mac fare di tutto, dai grossi ambienti produttivi ai piccoli studi del professionista, dalla cameretta dei ragazzi alla cucina, dai concerti dal vivo ai servizi di post produzione video, nelle radio, in televisione, in vacanza, al cinema, in discoteca. Ma forse non l’avevamo mai visto aiutare nei ricami e nel lavoro ai ferri!
La Ursa Software’s ha rilasciato un aggiornamento al suo software MacStitch 2009, dedicato proprio all’arte del ricamo.
Il programma è facile da usare, ma anche estremamente potente, e permette di creare il punto croce, arazzi, perline, maglieria, e di altri disegni del genere. Permette di importare immagini (foto digitali, scansioni, clip art e loghi) scegliendo i colori più adatti per la lavorazione e converte i file in modelli da stampare stimando anche la quantità del filo da utilizzare.
Quest’aggiornamento porta numerose novità: il supporto a 255 colori; l’anteprima dei file, anche in elementi recenti; la vista dei punti virtuali; il supporto ai file generati da PCStitch per Windows; nuove localizzazioni; opzioni di protezioni di scrittura sui file; nuove opzioni di ingrandimento e ridimensionamento anche sulla tavolozza; aggiunti centinaia di simboli; livelli multipli di Annulla; esportazioni in formato JPEG e molte altre piccole migliorie.
Il software costa 60 dollari, ma è consigliabile provare prima una Demo del programma per apprezzarne l’utilità. È disponibile anche una versione per Windows sempre allo stesso prezzo.
MacStitch 2009 non è ancora disponibile in italiano, ma solo in inglese, tedesco, francese e olandese. Per girare richiede Mac OS X 10.4 – 10.5 o successivi e supporta l’hardware PPC-Intel.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *