Fare il DJ con iTunes (o quasi)

In pochi anni la giovane software house myPod Apps, nata solo come hobby in Virginia nel 2008, è cresciuta fino a coinvolgere più persone a tempo pieno in tutto il mondo. Recentemente (il 17 marzo scorso) è stata ufficialmente rinominata in Macroplant LLC per fornire una maggiore chiarezza sull’identità della società nella produzione di software sviluppato anche per Mac OS X, Windows e non solo limitata a iOS. I software prodotti da Macroplant sono numerosi, di qualità e si contraddistinguono per il basso prezzo d’acquisto.
L’applicazione itDJ è una console virtuale per Mac che funziona con iTunes. Permette di mixare tracce, beats match e aggiungere effetti audio alla musica come un software professionale, ma con la stessa facilità con cui si gestisce la libreria musicale di iTunes.
itDJ rileva automaticamente tutti i brani e le playlist di iTunes, l’unica cosa da fare è trascinare i brani in coda di riproduzione, o direttamente sui piatti.
Molteplici le funzioni presenti anche in programmi simili a pagamento: Looping and Cueing, Pitch Lock, Beat Detection, Synthesizer, SFX Pads, SFX Loop Panel, Dual Channel Beat-remixer, Flanger, Wawah, EQ & Reverb e altro ancora, come la funzione Auto DJ per lasciar fare tutto a lui.
Il software è divertente da usare grazie a tutte queste funzioni, ma assorbe molte risorse hardware, ed è capace di mettere in ginocchio computer meno recenti.
itDJ è disponibile per il download gratuito dalla pagina dedicata sul sito dello sviluppatore, richiede Mac OSX 10.5 o versioni successive, un Mac Intel con almeno due core, 2 GB di Ram, iTunes 8 o versioni successive.

2 commenti a “Fare il DJ con iTunes (o quasi)”

  1. Ho provato a scaricarlo perché ero curioso, però mi rimanda sempre ad un’altra finestra dicendo che ci sono capitato per errore!
    Peccato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *