E tu sei un Fonero?

Una semplice domanda ha generato la più grande Community WiFi nel mondo:
“Perché pagare l’accesso a Internet quando sei fuori casa se hai già pagato quello di casa?”.
Con Fon è possibile ottenere più vantaggi dal proprio collegamento, semplicemente condividendolo diventando un Fonero, cioè un membro della Community Fon, utenti che si connettono gratuitamente WiFi ovunque trovino l’Access Point di un altro Fonero.
L’obiettivo è quello di creare un infinita rete WiFi che consenta a tutti i membri della community FON di condividere, non solo la propria connessione a banda larga, ma anche esperienze e idee.
Leggiamo come abbiamo abbracciato il progetto FON con i nostri Mac…

Il Router FON (alias La Fonera) costa 29,95 euro, ma non è difficile trovare promozioni sponsorizzate che permettono di acquistarlo per 1euro o addirittura gratis, infatti alcune riviste informatiche contengono un coupon che permette di riceverlo in omaggio.
È obbligatorio fare una scelta al momento della registrazione del Router Fon, diventare un Bill o un Linus (palese riferimento ai genitori di Windows e Linux) e decidere se condividere gratuitamente la connessione o dividere gli utili con l’azienda.
I Linus navigheranno gratis e condivideranno gratis, i Bill invece navigheranno a pagamento e guadagneranno sulla propria condivisione, quando un utente qualsiasi si collegherà al proprio router a pagamento. Esiste anche il compromesso Alien, utenti che non condividono la connessione e che pagano un canone minimo per accedere alle connessioni offerte dai Foneros.
Vediamo dunque come funziona La Fonera con il nostro Mac e la nostra connessione.
Abbiamo acquistato il Kit e dopo 8 giorni ci è stato recapitato tramite corriere.
L’interno della confezione include un Router piuttosto piccolino, sta comodamente in una mano, ha un design che ricorda abbastanza la linea Apple, è tutto bianco con il logo del “Movimiento Fon”, un alimentatore per il medesimo ed un cavo Ethernet per collegarlo al modem, al router o allo switch.
La guida rapida di installazione è stampata con illustrazioni a colori, ma nelle sole lingue inglese, spagnolo, francese e tedesco.
Il CD incluso nella confezione contiene alcuni eseguibili WIN, il PDF della garanzia e il PDF del manuale stampato, in più una presentazione in flash con le istruzioni sul sistema Fon.
Per finire due autoadesivi per aiutare eventualmente i passanti interessati, uno circolare da attaccare nei pressi dell’abitazione, ed uno piccolo rettangolare da appiccicare al citofono.
Bypassiamo tutta la procedura e colleghiamo subito il “mini router” al router della nostra LAN.
Immediatamente la nostra scheda Airport rileva due reti wireless separate, una per uso interno, con protezione WPA2 e l’altra invece viene utilizzata per condividere la banda pubblicamente.
Apriamo Safari e subito ci si imbatte nella pagina di registrazione, effettuiamo il log-in inserendo username e password creati al momento dell’acquisto, scegliamo il profilo Linus e inseriamo il nostro indirizzo civico per registrare il prodotto.
Da questo momento possiamo navigare tranquillamente per tutta l’area coperta da La Fonera, e in tutti i punti del mondo dove esiste un access poin La Fonera.
Proviamo a collegarci ad un altro Mac senza fili, basta un Mela+K e scrivere nome_computer.local per accedergli senza difficoltà alcuna. Prevedibile l’impossibilità di collegarsi invece ad un Mac senza Airport, se non passando attraverso ad una macchina dotata di entrambe le porte.

Consigliamo vivamente, visto che non lo fanno loro, di cambiare immediatamente la password al router, accedendo tramite Safari all’IP 192.168.10.1, approfittiamo anche dell’occasione per rinominare la “rete wireless” a nostro piacimento.
Altre informazioni utili alla personalizzazione de La Fonera, e agli sviluppi del progetto li trovate sul Fon Blog italiano.
Ovviamente molti Cracker si sono già cimentati in modifiche al firmware per liberarsi dall’obbligo della condivisione esterna, ma ciò, oltre ad essere “poco elegante” vanifica la buone intenzioni del progetto.
Riportiamo a scopo didattico
la guida di MarioMix
e
la guida di Andrea Beggi.

C’è però anche un conflitto legale, che vieta in Italia di condividere la propria connessione internet a terzi.
La “Legge Gasparri” stabilisce che le tecnologie “WiFi”, possono essere usate solo in ambienti privati, e non devono attraversare suolo pubblico. Inoltre per fornire accesso commerciale a terzi è necessario essere a tutti gli effetti degli Internet Service Provider.
Un fonero di tipo Linus viola quindi con certezza il primo punto, e forse anche il secondo; un fonero di tipo Bill li viola tutti e due. È pure vero che la possibilità di essere perseguito è piuttosto remota.
Infine il Decreto Legge 27 Luglio 2005 n.144 convertito poi con la Legge 31 Luglio 2005 n.155 prevede che la fornitura di connessione alla rete, almeno che non si tratti di quella casalinga, è sottoposta a tutta una serie di vincoli giustificati dalla lotta al terrorismo interno ed internazionale.
In pratica chiunque potrebbe collegarsi al nostro router, commettere azioni illegali e farla franca, scaricando sull’utente Fon la causa delle sue azioni. In realtà non è proprio così, poiché chiunque si colleghi al nostro La Fonera deve eseguire un log-in se si tratta di un Linus, o meglio ancora se si tratta di un Bill abilitare la sessione di Paypal per pagare il, seppur minimo, costo della connessione. Le leggi in questione sono comunque ancora preistoriche per affrontare situazioni del genere, quindi pensiamoci bene prima di aprire le porte a tutti.
—OraCle

5 commenti a “E tu sei un Fonero?”

  1. Perchè fon quando l’avvento del WIMAX è dietro l’angolo?? QUando Fon sarà
    capillare e quindi veramente (potenzialmente) utile il WIMAX avrà risolto il
    problema… resto scettico.


    visita jemitho.com

      1. purtroppo, ad oggi è molto più una realtà il wimax che non fon. Dire che è una
        realtà significa dire che c’è una copertura ache appena sufficiente, invece come
        tu ben sai questo non accade. Inoltre fon subisce molto il danno arrecato dalle
        tante persone che prendono a costo zero il router per poi riutilizzarlo per la
        propria connessione abituale… (come hai anche scritto nell’articolo)
        Sono convinto che tra qualche anno si potrà parlare dell’equazione
        ADSL:WIMAX=TELFONO FISSO:CELLULARE


        visita jemitho.com

  2. e se non lo si usa, semplicemente non montandolo, succede qualcosa?!?! 😀

    ho un router con un ingresso ethernet e quindi non posso usarlo!


    Stay Hungry. Stay Foolish.

    1. Devi comunque registrarlo…
      E poi un solo ingresso di rete è sufficiente a dare la connessione WiFi a tutta la
      tua casa. Ovviamente tutti i tuoi computer devono essere dotati di Airport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *