Dalle Iene: Fabrizio Albergati e Paolo Attivissimo

I ragazzi delle Iene di Italia Uno, popolare trasmissione televisiva che come poche merita ancora di essere guardata con attenzione, hanno intervistato Fabrizio Albergati, 45 anni, ex dipendente Italware, società del Gruppo Fininvest, attuale responsabile Windows Business Group di Microsoft Italia e Paolo Attivissimo, 43 anni, giornalista informatico e cacciatore di bufale.

Le domande a raffica rivolte al “papà italiano di Windows” non sono state clementi, in più di una occasione ha dovuto togliersi dall’impaccio di una risposta scomoda, come giudicare Mac OSX una valida alternativa ed un prodotto di grande qualità, oppure confermare la notizia che l’80% del parco macchine attualmente in circolazione non reggerebbe le versioni più avanzate di Vista… in fondo si tratta di un “Sistema disegnato per essere impenetrabile” e per questo esigente…
Segue
Alla domanda: “Vista è stato copiato da Mac OSX?” Albergati risponde: “Macintosh è stato copiato dallo Xerox… che è stato copiato da altri sistemi…”
A parte che chi conosce la storia (o ha visto “I pirati della Silicon Valley“) sa che quando Jobs e soci entrarono nei laboratori Xerox, per dare un’occhiata “decisamente” autorizzata, il Macintosh ancora non esisteva e videro lì una interfaccia a finestre sperimentale, che ispirò successivamente il primo vero Sistema Operativo Apple, mentre Bill Gates e company misero le mani sul primo Apple con l’inganno… per “rubare” tutto il possibile.
Da allora ogni passo fatto da Apple è stato ripercorso “a suo modo” da Microsoft, ma anche Paolo Attivissimo confessa che tutti più o meno copiano.
Nell’intervista delle Iene conferma la maggiore sicurezza di Vista nei confronti del precedente XP, purtroppo ad un prezzo decisamente troppo caro e a discapito dell’usabilità, inoltre Vista è già stato craccato, alla faccia dell’impenetrabilità.
Il difetto maggiore è comunque il “ritardo” di Vista, secondo Paolo Attivissimo Windows Vista offre da pochi giorni tutto quello che Mac OSX offriva già da molto più tempo.
E tutto quello che ci darà Leopard tra qualche settimana forse gli utenti Windows lo potranno gustare solo nel 2009 quando uscirà “Vienna”, il nome in codice della prossima versione di Windows…
Alla domanda indiscreta delle Iene: “Perché oggi usi un Macintosh?” la risposta di Paolo Attivissimo ci trova tutti d’accordo: “Lo uso perché funziona!”.
In fondo è proprio questo il nostro divertimento, far parte del gruppo di Mac User e difendere la sacra mela a spada tratta, che gusto ci sarebbe se un domani Bill Gates e Steve Jobs dovessero fare la pace come in questo simpatico cartoon?

2 commenti a “Dalle Iene: Fabrizio Albergati e Paolo Attivissimo”

  1. e ti pareva che non sparavate cag……
    Il vostro cacciatore di Bufale è un utnte Mac tuttavia poco competente , lo si notava nel dialogo e nella demenza delle risposte poco professionali e sbagliate.
    Non vorrei sminuire OSX ma onestamente non so cosa offre OSX piu di XP, anzi posso sempre confermare che voi avete bisogno di continuo di Parallels o virtual PC mentre Windows non ha mai avuto bisogno nemmeno di un file da parte dei vostri sistemi, e nonostante sia possibile istallare con una piccola gabola OSX su PC , nemmeno lo 0,01 % di utenti Win e deciso ad adoperare tale SO.
    Vista offre tanto che non puo essere spiegato nelle pagine ma puo solo essere testato da chi usa i sistemi operativi e non da chi usa xpress o qualche software per fare il filmeto dei bambini.
    Forse sono uno dei pochi che si accanicìsce a far capire qualche dettaglio Win ad utenti ma mi rendo conto che e come convincere i tifosi di Max Biaggi che Valentino Rossi e piu forte e piu grande piu seguito piu amato che vince di piu e sopratutto sbalordisce sempre.
    Quindi anche se mi piaceva dialogare in modo divertito in questo forum mi rendo conto che ce rabbia e accanimkento con Microsoft contro Win e credo di dare le dimissioni salutando tutti sperando che saret sempre felici di vivere con sistemi limitati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *