Creare un libretto per la stampa

Nato circa tre anni fa come servizio online, BookletCreator è diventato ora un software a se stante per Mac e PC. Il programma permette di generare file Pdf con le pagine accoppiate pronte per la stampa a libretto (ultima e prima, seconda e penultima, e così via). In buona sostanza riordina le pagine e adatta il formato in modo che la stampa queste possano essere successivamente accavallate come accade in un vero e proprio libro, pronto ad essere rilegato con un paio di punti metallici o la brossura, in base alla quantità delle pagine. Il software può tornare utile a tutte quelle persone che leggono spesso eBook elettronici e vogliono, per qualsiasi ragione, effettuare un backup cartaceo del file in possesso.
Le opzioni del programma permettono di suddividere l’impaginato da un minimo di 4 (con incremento di 4) a un massimo di 100 pagine (4, 8, 12, 16, 20, 24, ecc…), oppure tutte, qualunque sia la quantità complessiva delle pagine; si può scegliere di lasciare invariato il layout o di adattarle ad un particolare formato standard per la stampa (A3, A4, A5, lettera, ecc…); capovolgere l’orientamento della stampa in volta, aggiungere le pagine bianche per completare la segnatura, o addirittura invertire l’ordine della pagine per la stampa di libretti orientali o arabi.
Un breve file di aiuto, incluso nel pacchetto del software, spiega chiaramente (in inglese) i pochi passaggi necessari per realizzare un lavoro perfetto. Nonostante il programma sia stato concepito per funzionare solamente con i file Pdf, può essere utilizzato con la maggior parte dei documenti esistenti, visto che con Mac OS X creare un Pdf è facile come fare Mela+P.
BookletCreator e disponibile per il download dal sito ufficiale e richiede Mac OS X 10.5 o 10.6 per funzionare. Nella versione Trial solo le prime 16 pagine verranno processate, quanto basta per un piccolo sedicesimo da stampare in casa. La versione completa del software tuttavia costa meno di 10 dollari, una cifra accettabile per chi volesse risparmiarsi il duro lavoro di una imposizione manuale delle pagine.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *