''Copia e Incolla'' senza perdere i vecchi

C’è qualcosa di più fastidioso della perdita accidentale del contenuto della memoria degli appunti? A chi non è capitato almeno una volta di aver tagliato un testo prezioso ed averlo perso irrimediabilmente a causa di un superficiale mela+c?
Fortunatamente i software per la gestione della cronologia degli appunti non mancano, e nemmeno Jumpcut è una novità, ma questa applicazione, oltre ad essere gratuita (ed open-source), è dedicata esclusivamente al testo, quindi nessuna immagine, audio, filmato o file pesanti da portarsi appresso inutilmente, ma solo testo: puro e semplice testo! Anche se dal web molti utenti chiedono l’integrazione futura anche del salvataggio di contenuti multimediali, difficilmente gli sviluppatori prenderanno seriamente in considerazione questa possibilità.
Jumpcut è lo strumento ideale per i grandi “battitori” di testi, che possono ricorrere al software anche per accedere ad un elenco di parole (precedentemente copiate) ripetitive o difficili da scrivere da inserire spesso nel pezzo in lavorazione.
Richiamare i testi dei vecchi appunti da Jumpcut è semplicissimo, ed è possibile farlo grazie alla tendina che spunta nella barra menù di Mac OS X, o tramite scorciatoia da tastiera (ctrl+alt+v) selezionando dai tasti freccia gli appunti da rilasciare. Facile, veloce e geniale. Logicamente dalle preferenze del programma è possibile impostare una scorciatoia personalizzata, ma è difficile non imbattersi in un conflitto quindi, se non si sa cosa fare, è meglio (come sempre) abituarsi a quella di default.
L’applicazione, collaudata e stabile, è nata nel 2006 ed ha visto l’ultimo aggiornamento ad inizio 2009, con la versione 0.63, che offriva un ultimo ritocco perfezionista, per un prodotto già eccellente. Jumpcut è disponibile per il download gratuito su sourceforge, il sistema per la gestione dello sviluppo software collaborativo.
Qui un piccolo video tutorial, purtroppo quello in italiano è stato rimosso.

3 commenti a “''Copia e Incolla'' senza perdere i vecchi”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *